Ricerca

Il dipartimento si articola in Poli di Coordinamento, che raggruppano docenti con competenze e interessi scientifici affini. Al momento della costituzione del dipartimento sono attivi i seguenti Poli di Coordinamento che di massima raggruppano settori scientifico disciplinari.

Polo Elettrico
Polo ICT - Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione
Polo Navale

Ai Poli di Coordinamento sono attribuite responsabilità di coordinamento delle attività dei propri componenti e di sostegno al perseguimento degli obiettivi del dipartimento per la didattica e la ricerca. In particolare: fornire al dipartimento un quadro delle conoscenze metodologiche di base in relazione alle tematiche di competenza; costituire un punto di riferimento e un sostegno per promuovere adeguati riconoscimenti all’insegnamento e alle attività di ricerca e di trasferimento tecnologico di professori e ricercatori; diffondere all’interno del dipartimento informazioni su stato corrente e possibili sviluppi futuri della situazione nazionale e internazionale riguardo alle competenze di riferimento.

Presso il dipartimento possono essere costituite unità operative di uno o più persone per lo svolgimento di attività di ricerca. Nell’ambito del dipartimento sono individuati moduli organizzati di risorse in termini di spazio e attrezzature denominate laboratori, che possono essere luogo di attività delle varie unità operative. Per lo svolgimento dell’attività di ricerca i membri del dipartimento si possono aggregare in maniera interdisciplinare in Team di Ricerca tematici, cui sono attribuite funzioni di promozione e sviluppo di attività nell’ambito di tematiche individuate come strategiche per il dipartimento.

Avvisi e esiti

Avviso aggiudicazione procedura in economia -  Fornitura di chip HVHSOA e servizio di caratterizzazione e testing degli stessi

 

Si pubblica in allegato l’avviso relativo all’aggiudicazione della procedura in economia avente per oggetto "Fornitura di chip HVHSOA e servizio di caratterizzazione e testing degli stessi".

 

Aggiudicatario: STMICROELECTRONICS SRL

Data stipula contratto: 18/09/2015

 

 

 

Avviso pubblico – Indagine di mercato per manifestazione di interesse - Fornitura di chip HVHSOA e servizio di caratterizzazione e testing degli stessi

 

Si pubblica in allegato l’avviso relativo alla richiesta di manifestazione a partecipare alla procedura in economia avente per oggetto "Fornitura di chip HVHSOA e servizio di caratterizzazione e testing degli stessi".

Scadenza presentazione istanze: ore 12 del 27/10/2014.

 

Allegati:

  • Avviso pubblico - indagine mercato per manifestazione interesse - 14.10.2014.pdf
  • Istanza di partecipazione All. A1.pdf

___________________


Avviso pubblico per manifestazione di interesse - Servizio di Project Manager per la messa in opera in Liguria dell'iniziativa OCOVA AlpMedNet

 

Si pubblica in allegato l’avviso relativo alla richiesta di manifestazione a partecipare alla procedura in economia avente per oggetto "Servizio di Project Manager per la messa in opera, in Liguria, dell’iniziativa OCOVA AlpMedNet".

Scadenza presentazione istanze: ore 12 del 04/03/2014.

 

Allegati:

Avviso OCOVA AlpMedNet

 

___________________

 

Avviso pubblico per manifestazione di interesse - Fornitura di corsi di formazione in materia di procedure doganali

 

 

Si pubblica in allegato l’avviso relativo alla richiesta di manifestazione a partecipare alla procedura in economia avente per oggetto " Fornitura di corsi di formazione in materia di procedure doganali".

 

Scadenza presentazione istanze: ore 12 del 07/03/2014.

 

 

Allegati:

 

Avviso CustomMed

 

 

 

Polo Navale

Il Polo Navale del DITEN trae le sue origini dalla “Regia Scuola Superiore Navale”, fondata nel 1870 e trasformata poi nella “Regia Scuola di Ingegneria Navale”, che rappresentò il nucleo iniziale della futura Facoltà di Ingegneria di Genova. La scuola così fondata subì negli anni un certo numero di trasformazioni testimoniate dalle istituzioni che si sono succedute nel corso della lunga storia dell’ingegneria navale genovese ed italiana:

  • 1870-1905 Regia Scuola Superiore Navale,
  • 1905-1932 Regia Scuola d’Ingegneria Navale,
  • 1932-1936 Regia Scuola d’Ingegneria,
  • 1936-1972 Facoltà d’Ingegneria - Istituti di Architettura Navale e di Costruzioni Navali Mercantili,
  • 1972-1993 Facoltà d’Ingegneria - Istituto Policattedra d’Ingegneria Navale,
  • 1993-2010 Facoltà d’Ingegneria - Dipartimento di Ingegneria Navale e Tecnologie Marine (DINAV).

Dal 2010, in accordo alle più recenti normative nazionali relative all’organizzazione dell’università e della ricerca scientifica, il DINAV si è dapprima aggregato con il dipartimento di ingegneria elettrica della Facoltà di Ingegneria ed infine ha contribuito a costituire il DITEN nella odierna Scuola Politecnica dell’’Ateneo genovese riconoscendo che l’ingegneria navale, globalizzata e fortemente multidisciplinare per propria stessa natura fin dalle sue origini, per il futuro potrà svilupparsi comprendendo anche quelle tematiche che sono entrate più di recente tra le branche dell’ingegneria con l’introduzione dei calcolatori elettronici.

Il Polo raccoglie le competenze che riguardano i tre aspetti tradizionali dell'Ingegneria navale: Architettura Navale, Costruzioni Navali ed Impianti Navali. La ricerca scientifica viene svolta in collaborazione con società di classifica, industrie e cantieri navali, enti di ricerca ed Università sia italiani sia stranieri nell’ambito di progetti nazionali ed internazionali con finanziamento sia pubblico sia privato.

Il Polo Navale partecipa a comitati tecnici nazionali ed internazionali quali ad esempio ITTC (International Towing Tank Conference), ISSC (International Ship and Offshore Structures Congress), IMO (International Maritime Organization), comitati tecnico scientifici delle principali società di classifica e dell’International Association of Classification Societies, ecc.

Gli studi dell’ingegneria navale, sebbene tipicamente suddivisi nei tre aspetti menzionati, sono fortemente correlati e riguardano la concezione e la progettazione di unità navali e di strutture marine, in relazione alla loro tipologia, impiego e dimensioni, con particolare riferimento al processo di sintesi e integrazione dei vari aspetti che concorrono alla loro realizzazione. Essi includono anche gli aspetti legati alle tecnologie ed ai processi produttivi delle navi e delle strutture offshore nonché il supporto tecnico alla gestione e all’esercizio.

Le principali linee di ricerca, sviluppate con metodologie analitiche, numeriche e sperimentali, possono riassumersi essenzialmente in:

  • Studi sulla forma di carena, sulla resistenza al moto e la propulsione, sulla manovrabilità, sulla tenuta al mare, sulla sicurezza e la stabilità, con particolare riferimento alle azioni idrodinamiche dovute alla superficie libera e al moto ondoso
  • Studi riguardanti le azioni ambientali sulle strutture navali e marine, la definizione dei carichi agenti, l’analisi della risposta strutturale, il dimensionamento strutturale con tecniche sia deterministiche sia probabilistiche (verifiche di robustezza, a fatica, vibrazioni e rumore strutturale, ecc.)
  • Studi sui processi tecnologici per le costruzioni navali e marine ed il loro esercizio
  • Studi inerenti la progettazione e l’affidabilità dei sistemi di propulsione e dei relativi apparati, degli impianti necessari ai servizi di bordo, delle apparecchiature per la sicurezza ed i sistemi automatici di gestione e controllo con particolare attenzione alla riduzione dei consumi e delle emissioni nell’ambiente
  • Analisi di impatto ambientale della nave e dei sistemi di trasporto marittimo

Oltre alle risorse di calcolo per le attività teorico/numeriche, tra le quali recentemente si sono sviluppate quelle relative alle simulazioni numeriche con i metodi della fluidodinamica computazionale (CFD) e quelle relative alla simulazione della dinamica degli impianti navali, le attività sperimentali didattiche e di ricerca del Polo Navale possono avvalersi, tra l’altro, di due laboratori dipartimentali altamente qualificati dal MIUR ai sensi del D.L. 297/99: il Laboratorio di Idrodinamica Sperimentale ed il Laboratorio Prove Strutture Navali, attrezzati per le prove più tipiche dell’ingegneria navale anche in cantiere ed a bordo.

A pieno titolo il Polo Navale partecipa al WEGEMT, un network di circa 40 università europee in 17 paesi che rilasciano titoli accademici per la qualifica di “naval architect & marine engineer” ed organizza corsi di istruzione superiore frequentati da studenti anche stranieri. Da decenni infatti circa il 50% degli ingegneri navali italiani si laurea a Genova, inclusi gli ufficiali del Genio Navale della Marina Militare Italiana.

Unici nel loro genere sono poi il corso di laurea in Ingegneria Nautica ed il corso di laurea specialistica in Yacht Design, interamente in lingua inglese, che coniuga le tradizionali competenze dell’ingegnere navale con l’ergonomia e l’estetica necessarie alle unità da diporto.

Il Polo Navale continua quindi a sviluppare le conoscenze relative alla progettazione e costruzione delle future unità navali e strutture marine, integrando ricerche teoriche e sperimentali nell’ambito dell’architettura navale, delle costruzioni navali, degli impianti e dei relativi controlli automatici.

Polo Elettrico

Negli ambiti della matrice culturale elettrica, inserita nella cornice di interessi del Diten, i ricercatori del Polo Elettrico operano per agevolare la fruibilità di offerta tecnologica e di conoscenza al fine di evitare che si apra una forbice tra chi ha le capacità e i mezzi (intellettivi, economici, ambientali) per utilizzare e sfruttare le nuove tecnologie e chi resta ai margini di questo processo evolutivo, nell'ottica di un miglioramento continuo. Come e' naturale, il raggiungimento di tali obiettivi richiede di coltivare, in chiave interattiva con i colleghi degli altri Poli del Diten, uno spettro di tematiche varie, nell'ottica di rendere concreto l'approccio multidisciplinare che costituisce il tratto costitutivo del Diten.

I Corsi di Laurea e Laurea Specialistica in Ingegneria Elettrica, il Corso di Dottorato di Ricerca in Ingegneria Elettrica, i vari corsi di servizio offerti ad altri corsi di studio, i diversi laboratori didattici e il suo Laboratorio di Ricerca ELECTA, modernamente attrezzato, costituiscono i principali campi di intervento e i settori portanti del Polo Elettrico, il quale pone costante attenzione nello stimolare e nel recepire le innovazioni culturali a qualsiasi livello, sempre osservate in chiave di interazione con i colleghi degli altri Poli del Dipartimento, in primis, e con gli altri Dipartimenti della Scuola Politecnica.

La missione del Polo Elettrico, condivisa con gli altri Poli del Diten, pertanto puo' essere considerata quella di sviluppare e trasferire conoscenza, tramite attività di ricerca formazione e consulenza, in alcuni settori chiave della società moderna (nello  specifico, l'Energia, l'Automazione, i Trasporti)
Poichè qualsiasi azione di innovazione e sviluppo in questi settori non può ormai considerarsi avulsa dal concetto di sviluppo sostenibile, l'Ambiente costituisce un quarto settore orizzontale di attività che accomuna tutti i ricercatori del Polo Elettrico e del Diten. 

Polo ICT

Nel Polo di Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione (Polo ICT) del DITEN sono confluiti, alla fondazione del Dipartimento, i ricercatori che avevano operato nel settore dell’Informazione nei precedenti dipartimenti di Ingegneria Biofisica ed Elettronica (DIBE), Informatica Sistemistica e Telematica (DIST) e Ingegneria Navale ed Elettrica (DINAEL). Tali ricercatori sono ora organizzati nelle Unità di Ricerca che afferiscono al Polo stesso. I temi di ricerca portati avanti dal Polo, con un respiro ed un’ottica internazionali, sono inquadrabili in particolare nei sistemi elettronici, nell’elettronica per la società dell’informazione, nella microelettronica, nei sistemi complessi naturali ed artificiali, nell’ elaborazione di segnali ed immagini, nelle telecomunicazioni, nelle reti, nell’elettromagnetismo applicato, nelle nanotecnologie, nelle applicazioni biomedicali dell’ICT, nella fisica matematica.
II Polo svolge Ie proprie attività di ricerca nel contesto di cooperazioni e contratti con la Commissione Europea, enti pubblici e privati e con svariate agenzie nazionali ed internazionali di ricerca. Il Polo è particolarmente impegnato nello svolgimento di progetti di ricerca che conducano a risultati scientifici di eccellenza internazionale, rendendo al contempo possibile I'innovazione e il trasferimento tecnologico a costi controllati. Questa filosofia, già espressa con successo dai dipartimenti nei quali l’attività dei componenti il Polo si è precedentemente estrinsecata, mira a far acquisire a DITEN un ruolo sempre più importante nello scenario Europeo della tecnologia avanzata, ponendosi come una istituzione ad alto contenuto innovativo e produttivo. Già dal primi periodi di attività, il Polo ICT del DITEN ha costruito e rafforzato numerosi Iegami con il sistema produttivo, con Ie istituzioni, con il mondo della ricerca internazionale. Nell’ambito del Polo sono attivi importanti laboratori congiunti e società spin off in fase di accreditamento quali spin off accademici.
I componenti del Polo sono impegnati attivamente in svariati Poli, Centri e Distretti, in molti casi essendone stati co-fondatori. Sono anche tra i principali promotori dell'ISICT (Istituto Superiore in Tecnologie del'Informazione e della Comunicazione).
Dal punto di vista dell’attività didattica, i componenti del Polo ICT hanno la responsabilità del Corsi di Laurea in Ingegneria Elettronica e Tecnologie dell’Informazione e dei Corsi di Laurea Magistrale in Ingegneria Elettronica e di Multimedia Signal Processing and Telecommunication Networks. Sono peraltro attivamente impegnati anche nei Dottorati di Ricerca connessi alle attività del Polo stesso, che costituiscono una grande opportunità per i giovani di contribuire allo sviluppo di idee e progetti di ricerca in un contesto creativo e stimolante. I componenti del Polo sono altresì impegnati nelle attività didattiche di Master Universitari di I e II livello, per i quali la responsabilità è stata affidata al Dipartimento e che rappresentano un’altra notevole opportunità di formazione avanzata e di altissima specializzazione (gli elenchi dei Dottorati e dei Master di competenza del Polo ICT sono riportati nelle apposite pagine).

Contattaci!

 Per informazioni generali

Per informazioni sui corsi di studio

Share

FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedin

Ingegneria

Sample image
 Università degli Studi
di Genova

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information